Buchi e sensi unici

Buchi di trama…  Vi avverto che questo è un post scritto in sordina.

Vi è mai capitato di leggere dei libri o di vedere dei film (anche roba  di serie A) dove ad un certo punto, vi viene in mente la frase “ma perché non l’ha fatto prima?” oppure “ma se ha detto che non era così…” ?

Tipo il Cattivo di turno – questi impersona uno dei coprotagonisti un po’ scemotti, ma fondamentalmente buono, finge / si impone (bevendo una pozione, usando qualche diavoleria tecnologica) di dimenticare chi è in realtà per cancellare dietro di lui le tracce delle sue malefatte, magari eliminando il / i testimoni, e poi scoprire che era impossibile potesse fare quanto ha fatto, perché appare in due posti diversi oppure, peggio, perché pare abbia dimenticato di essere stato scoperto anche dal protagonista che finge di essere morto?

O ancora, Tizio cade da un pianerottolo e rotola giù per terra dalla Torre delle X (ben diversa dalla Torre delle Y) e si frattura una caviglia… e tu ricordi che la torre era 167 metri, torre che ha due pianerottoli intermedi (distanti quindi 55,67 metri!) perché l’hai letto venti pagine prima e non sei scemo***! E poi tre giorni dopo il caviglia-rotta, combatte nell’arena della Morte Tumbestana e vince – ma alla grande! – col Cavaliere Bastardo!

E ancora: perché il personaggio principale, una volta che ha trovato l’incantesimo dell’attraversamento interstellare, se deve muoversi non lo usa più? O la pergamena dell’interrogatorione che costringe a dire la verità? E lui che si lascia infinocchiare da Bella Gnocchetta*?

Va bè sono domande a cui non si vuol risposta no? Perché poi non funzionerebbe più niente, non si saprebbe come separare il cavaliere buono dagli altri e farlo morire su un passaggio chiuso da delle porte a tempo, o non si potrebbe fare cadere un governo per il voto di un singolo membro per delle rotte commerciali, e via discorrendo.

Mi fermo, perché prossimamente di buchi neri di ‘sto tipo mi ingegnerò a farne, e vi lascio qui sotto un brano di un certo spessore.

*  dal potere occulto
**  nel testo non c’è questo 😀
*** quantomeno non abbastanza

Annunci

69 pensieri riguardo “Buchi e sensi unici

      1. 🙂 🙂 🙂 Un Gérard Depardieu in forma (ok anche in panza) strepitosa, forse qualche passaggio un filo carente, ma in complesso divertente.
        Gli Apocalyptica poi ci stanno benissimo (non solo loro).
        Una roba di quasi 15 anni fa, … ero giovane.

        Liked by 1 persona

      2. La forma (anche di panza) di Gérard Depardieu mi fa sempre effetto, a differenza degli americani, troppo belli per essere veri, gli attori europei con poche eccezioni badano più alla sostanza della recitazione che alla presunta figaggine maschile…ma lui mi fa veramente morir dal ridere perché è buffissimo…

        Liked by 1 persona

      3. Come non essere d’accordo mia cara. Qui era meno bolso di ora (si tratta pur sempre di un film di 15 anni fa) ma è comunque paffutone.
        Ed è vero quello che dici, infatti io adoro le serie TV BBC, per dirne una, con attori credibili… Quelle ammerigane o italione che scimmiottano gli USA, sono: le prime eccessive (dai sei bello\a così e fai il poliziotto?) oppure pessime (quando le facciamo noi coi belli, famo ridere)!

        Liked by 1 persona

    1. Personalmente sono d’accordo con te, come “appassionato – cialtrone – di scrittura”, sto seguendo un percorso che mi porti a scrivere TUTTO sulla base di cliché, ripetizioni, errori, banalità! Per vedere l’effetto che fa.

      Mi piace

  1. In una delle svariate università statunitensi (da cui periodicamente un gruppo di ricercatori, pagati da una qualche azienda produttrice di qualcosa, se ne esce con degli annunci che vanno bene per Repubblica Online o Lercio.it), un gruppo di ricercatori (c’è sempre un gruppo di ricercatori, che sembrano usciti da uno di quei film dallo script telefonato in cui lui scopre qualcosa di clamoroso mentre nel laboratorio lei cerca di farselo ma lui non se ne accorge o viceversa) ha messo sotto esame i Grandi Romanzi Storici Europei per vedere se reggevano una verosimile ricostruzione cronologica dei fatti e la risposta è stata si.
    Quindi?
    Quindi le trame dei grandi romanzi funzionano, perché semplicemente gli accadimenti seguono l’evoluzione di personaggi costruiti in modo umano e verosimile e non solo metaforico oppure perché l’impianto storico sullo sfondo è potente: Don Abbondio reagisce con verosimile vigliaccheria ai bravi che lo minacciano così come l’Innominato, divorato da conflitti interiori più potenti di quelli di Darth Vader, si converte in extremis abbandonando il lato oscuro come capitolo conclusivo di una evoluzione narrativa fondata e chiara; allo stesso modo con cui Severus Snape è fin dall’inizio al servizio del bene ed ella redenzione o come la decadenza dei Buddenbrock segue in modo lineare una decadenza anche economica di certo commercio e parimenti sono credibili e funzionali le discussioni della situazione finanziaria in cui la metamorfosi di Gregor Samsa in orrido insetto ha cacciato la sua famiglia, almeno quanto è credibile che Pierre Bezuchov si chieda come vivere in accordo con la morale dopo aver ricevuto l’immensa eredità ed entrando a far parte della massoneria… lo stesso Achab, che scompare negli abissi, stretto attorno al laccio della sua lancia, conficcata nella gigantesca balena, pur nel suo essere simbolico del puritanesimo di Melville non sconfina mai nell’assurdo…
    Insomma, tutto per dire che il pentagramma su cui un artista scrittore appone le note della sua narrazione spesso si avvolgono in pattern che gli facilitano solo il compito ma come copie imperfette di un originale sfruttato, presentano screpolature che servono a marcare dapprima una differenza ed una originalità mache poi si rivelano i primi cedimenti della consecutio e così tutto diviene telefonato, la rama assunta in fideistico, il deus-ex-machina non più un artifizio teatrale ma la scappatoia di un romanziere che di fronte al cursore lampeggiante del word processo si chiede cosa cazzo far fare al suo personaggio nella camera chiusa…
    Però, però, però… non tutto è perduto, perché ci sono autori che ti stupiscono anche al cinema a ogni script e che fa bene all’animo guardare per disintossicare il cervello da troppa sozzura: guardare (e leggere) un film sceneggiato da David Mamet (ad esempio) aiuta a ripulirsi almeno quanto il golden milk (latte e curcuma, in soldoni) fa con il nostro intestino e lo stesso quando ascolti le parole che Sorkin mette in bocca allo Steve Job versione Fassbender e che tanto ricordano le invettive dello Spencer Tracy di “i>Inherit the Wind (…e l’uomo creò Satana)”.
    Ora taccio, che ho stra-parlato e ti lascio con la bellissima poesia di John Giorno, scriita alla fine degli anni ’60…

    Outlaw

    A bearded outlaw
    who claimed
    he was an immortal
    descendant
    of God
    was killed
    last night
    by the police.

    Fuorilegge

    Un fuorilegge barbuto
    che sosteneva
    di essere un discendente
    immortale
    di Dio
    è stato uccio
    ieri notte
    dalla polizia.

    Liked by 3 people

      1. Eh, se! Magari… ho fatto nel commento sopra tanti di quegli errori di battitura da malato di PDIWS – Pseudo Dyslexic Inability to Write Syndrome (in italiano SISPD – Sindrome Incapacità a Scrivere Pseudo Dislessica)… malattia che non penso esista davvero, ma se ci fosse io ne sarei di certo colpito…

        Liked by 1 persona

    1. Come mio solito vado clamorosamente OT.
      Ma hai citato (di nuovo) Mamet e incuriosito dalla mia ignoranza sono andato sulla sua pagina Wikipedia e..
      BAM
      …. ho scoperto di conoscere una persona senza saperlo.
      Perchè io di sto Mamet ho visto un sacco di roba (e te credo, starete pensando…) senza nemmeno sapere che fosse l’autore.
      Cosa strana, per altro, perchè di solito pongo molta attenzione allo sceneggiatore (talvolta anche più che al regista…).
      Ma tant’è… questo Mamet (ma poi come si pronuncia? Alla francese? mamè? ) è un autore coi controcosi. La sua filmografia è MOSTRUOSA.
      Scorrendo la lista di film son orimasto stupito di trovare un film gradevolissimo, un filmone che per pochissimo non entra nell’empireo dei capolavori ma che, per qualche insondabile motivo, in pochi conoscono e molti snobbano forse per il titolo fuorviante.
      SESSO E POTERE (https://it.wikipedia.org/wiki/Sesso_%26_potere) se non l’avete visto dovete vederlo.
      E’ un Argo antelitteram e di sicuro non ci troverete nessuna sbavatura, ma proprio nessuna. Anzi vi sorprenderete più volte a emettere un fischio prolungato, che tradotto in italiano starebbe a dire: “ME COJONI!!!!!”
      ciaoooo

      Liked by 2 people

      1. Già basterebbe ad un uomo aver scritto “The untouchables” per essere inserito nel Pantheon dei grandi scrittori, ma con tutto quello che fatto concordo con te che è davvero mostruoso!
        Sesso e Potere” è a giusta ragione uno dei suoi adattamenti più famosi, assolutamente un filmone come dici tu, senza ombra di dubbio.
        Come regista io l’ho adorato in due pellicole che consiglierei a chiunque e che hanno da insegnare moltissimo su come si possa scrivere un plot che ti lascia senza parole: “House of Games” e “Redbelt”… poi resterà nel mio e nel tuo cuore per aver anche scritto qull’adorabile film bislacco che tanto piacque ad entrambi di “We’re No Angels”…

        OT al potere!

        Liked by 2 people

      2. Si, lo immagino e lo comprendo dalle sue parole…

        Lo sai che ho smesso di fumare un sacco di tempo fa, Gianni?
        Ma ho sempre mantenuto il ricordo delle sigarette che più adoravo, le Pall Mall pacchetto morbido senza filtro… Il colore rosso scuro, quasi bordeaux, con quei due motti bellissimi.. “In Hoc Signo Vinces” e più sotto, virgolettato il meravigioso “Wherever Particular People Congregate“…
        Ecco, penso che questo secondo potrebbe essere anche il motto del tuo blog, Gianni…

        Liked by 1 persona

      3. Questo proprio non l’ho mai visto, dannazione. Non mi basterà mai una sola vita per fare tutto quello che mi sono prefissato di fare. Ok Ok, chiedo il prolungamento a 150 anni! 😀

        Liked by 1 persona

      4. La proroga va presentata in carta bollata con vidimazione imperiale e controfirmata da Ottaviano Augusto in persona. Se ci riesci, fammi sapere come che una proroghina non farebbe schifo neppure a me 😀

        Forse ti sarà più facile recuperare quesot film. Io lo beccai un paio di volte diversi lustri fa su La7 quando ancora si chiamava Telemontecarlo… non ti dico niente. Però merita, merita veramente. Anche perchè all’epoca DeNiro le commedie le sceglieva con giudizio, mica come ora che si mette a fare il Nonno Zozzone…

        Liked by 1 persona

      1. E’ un grande personaggio… una forza enorme in un corpo minuto, uno sguardo perennemente accigliato e parole sprezzanti che nascondono un dolore enorme ed un grandissimo cuore… E poi, ma qui tu ovviamente non c’entri, tutta la serie è un poema sull’abuso in tutto le sue forme… Chiaramente ha i suoi difetti, ci mancherebbe che non fosse così, ma ha molto da dire più di altre serie supereroistiche (eccetto DareDevil, che è lo stato dell’arte in questo genere)…

        Liked by 1 persona

      2. Non voglio spoilerarti la storia del terzo libro, ma spero che sia fedele al testo come lo sono state le prime due stagioni (con l’eccezione del colpo di scena che tu sai e che ci ha fatto perdere un personaggio…).
        Ti dico solo che Quinlann viene fuori di più e dovrebbe tutto essere un po’ più on the road… non vedo l’ora che esca negli USA…

        Liked by 2 people

  2. Io ne trovo spesso. Se il film è di poco valore, non ci faccio caso, ma di solito evito questo genere. Se il film invece è di qualità, mi viene il nervoso. Ho ancora sul gargarozzo due domandine per “Il silenzio degli innocenti”.

    Liked by 1 persona

      1. Sì, uno è proprio quello. Poi l’assurdità della strategia di sorveglianza, il pericolo era dentro la gabbia e non fuori: hanno messo un esercito a sorvegliare il palazzo e tutta la zona, come se qualcuno da fuori avesse intenzione di entrare per liberare Hannibal. E solo due uomini dentro la stanza insieme a lui senza neppure una telecamera di sorveglianza. Inoltre, sarebbe interessante sapere come ha fatto lui da solo, e con poco tempo a disposizione, a spellare perfettamente la faccia di un poliziotto del quale poi a preso il posto sull’ambulanza, e a preparare tutta la messinscena teatrale dell’altro appeso in alto sulle sbarre della gabbia con la bandiera ben distesa. Neppure superman alla velocità del suono ci sarebbe riuscito.

        Liked by 1 persona

  3. Qualche volta, il più delle volte, questa eventualità mi fa venir voglia di prendere un mazzuolo e discutere amabilmente con chi di dovere. Dopo aver letto il blog di Gamberetta non sono più la stessa e coerenza come incoerenza sono sempre la prima cosa che cerco in un film o in un libro. Posso diventare particolarmente violenta e non che me ne vanti, ma lo sai che cosa la penso su certa letteratura (in particolare). Il problema è che con opere come libri o film non ci può essere il dialogo, parlare direttamente con l’autore di certe scelte, un peccato soprattutto per me che parto sempre dal presupposto che certe scelte anche assurde possono essere state prese con cognizione di causa. Ulteriore problema è quando il grande artista passa a incensarsi e non accetta il dialogo, anche quando sono evidenti che le sue non possono essere state scelte stilistiche azzardate, ma vere e proprie supercazzole. Tutti possono fare errori, persino chi pubblica per Mondadori intere saghe strafighe con un’elfa filiforme di mezzo kg (armatura compresa) che maneggia una spada bastarda da mezza tonnellata come se fosse una forchettina da dessert. Ok mi taccio sennò qualcuno mi fa causa come ormai dovrebbe fare chi produce la b… birr… la Corona.

    Liked by 1 persona

    1. Birra e corona nella stessa frase non possono coesistere. 🙂
      Sul fantasy che hai citato, in particolare, a parte il super-essere (elfo\vampiro\sempreverde) considera due fattori:
      1 – chi legge per la prima volta un fantasy non ha la minima idea di cosa significhi maneggiare un’arma bianca… E questo può pure passare
      2 – chi legge per la prima volta un fantasy di solito non vuole il fantastico, ma l’effetto puccettone.
      Attenzione a non leggere questi due punti come una critica, anzi.
      Tanti si sono avvicinati ad un genere ostico e inviso in Italia (perché considerato troppo di destra!?) come il fantasy, proprio grazie a letture leggere.
      No il problema sono le toppate clamorose, il personaggio che fino a ieri era figo, poi piagnucolone, passato come “naturale evoluzione del personaggio che rende il libro superbo”…
      Ed è questo il punto: io voglio fortemente voglio tirar fuori qualcosa di questo tipo!!! Yes!
      Non credo ci riuscirò mai, quindi affogherò il mio dolore con una birra, bruna dal sapore amaro, da bersi in un bicchiere di vetro dal fondo sferico.
      😉
      Un altro nemico della lettura è l’accrocco… Come mai c’è la tal cosa? Eh, beh, perché sennò dopo tizio non può fare così… Ma mi dilungo. Un’altra volta citerò qualche esempio.
      E ora giusto per farmi male, termino l’amico 179, a quel punto diventerà 180 e quindi lo pubblicherò qui, tanto per dare fastidio!!! 😀

      Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...