Un caldo che squaglia

Era l’agosto dell’anno scorso quando, per via del caldo, e forse anche di qualche birra, venne composto il nano-racconto intitolato La Squaglia. Cos’è la Squaglia? Descriverlo con certezza non si può, forse un animale che si è estinto.

[Leggi La Squaglia] con rischio d’incendio.

Chi altri si è cimentato nella scrittura (ri)creativa con il caldo? Oppure è il maglione, la tazza del te, il vetro della finestra rigato dalle gocce del temporale, a favorire la scrittura?

Mettiamoci anche un bel gatto, il fuoco che arde nel caminetto, il bosco immerso nel buio, il vento che ulula. E qui viene fuori l’altra domanda: ma gli scrittori stanno tutti in montagna?

3 pensieri riguardo “Un caldo che squaglia

Rispondi a gianni Cancella risposta

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...