Racconto della settimana – La lancia del re

Il racconto proposto è un classico del genere fantasy “sword&sorcery”, un genere che va maneggiato con cura per non scadere nell’esagerato e poi nel ridicolo. E’ un genere poco italiano, molto anglosassone, che fa la felicità di chi ama R.E. Howard, lo scrittore che ha creato il mondo di Conan il barbaro e del suo dio dell’acciaio Crom. Molti gli emuli che hanno partorito tutta una serie di libri (non sempre all’altezza) usati come fondamenta e background di giochi da tavolo, e videogames, fino ad arrivare ai film, alcuni di culto, tanta la loro “b-moviaggine”.
Su questo genere se ne potrebbe parlare per ore (leggete qua) soprattutto di come la sua interpretazione abbia contaminato mitologie di altra natura (vedi la serie di Ercules e Xena, diventati dei fantasy medievali a tutto tondo).
Comunque, se nel cosplay abbiamo streghe e stregoni, maghi e maghe, demoni guerriere e guerrieri in armatura, lo dobbiamo anche a questo genere-cultura. O no?

Qui sotto i link alle tre parti del racconto di Liz, scritto con passione, con il compiaciuto disinteresse di Crom, perché a Crom non frega niente di queste cose, ma se ne compiace.

20 pensieri riguardo “Racconto della settimana – La lancia del re

  1. Mi spiace solo che Liz abbia poco tempo perché i suoi racconti sono davvero fantastici, degni di una serie televisiva. È davvero bravissima nella creazione dei personaggi e dei luoghi nonché della trama, a me piacciono enormemente!
    Grazie per la condivisione 👍

    Piace a 2 people

  2. Figlio del Cielo (Urano) e della Terra (Gea/Gaia), Kronos, Dio del tempo, è sempre stato uno stronzo, in tutti i racconti, da quando ha generato Zeus, divenendone padre orribile, fino all’essere il cattivo del manga dei Saint Seya, ma anche al cinema ed in tv, sempre in ruolo da villain (era un Goa’uld schifoso sembiante nella serie Stargate SG-1)…
    Tanta fama da cattivo qualcosa vorrà pur dire…

    Piace a 1 persona

    1. Questo che dici è vero. Non avevo mai pensato a quanto il tempo appaia in senso negativo. Forse ciò che stiamo vivendo in questi ultimi anni lo si deve al fatto che sia stato declassato da costante a variabile? Che la dimensione del tempo non sia più così centrale ma relativa? Dannati scienziati del ‘900! 😀

      Piace a 1 persona

      1. Un Dio granitico che sbatte la faccia contro le follie narrative del multiverso fumettistico… Se mai ci fosse uno psicanalista degli dei, con Kronos sdraiato sul lettino a raccontare di eroi che vanno avanti e indietro per le sue linee temporali, andrebbe in visibilio! Un caso da manuale 😁

        Piace a 1 persona

  3. Faccio fatica ad essere presente ma ti leggo ed in questo caso ti ringrazio per il link al mio modesto contributo alla definizione di “fantasy”…
    Ho anche visto che mi hai mandato una mail, ma schifosamente non l’ho ancora letta in modo consono (ho capito il contenuto è l’ho procrastinata nella mia mente).
    Ammetto le mie colpe.

    Piace a 1 persona

      1. A proposito, come sarebbe la stessa cosa ambientata nello spazio? In fondo anche nello spazio una bottiglia arriva, e il rum è sempre rum, no?

        "Mi piace"

      2. Grande caratterista Borgnine, a cui è stato fatto un commiato degnissimo nel suo cameo dentro il primo dei due aree con Bruce Willis…
        Che poi in assenza di attrito chissà quanta strada farebbe la tua bottiglia, magari schiantandosi contro un meteorite o catturata dalla gravità di un corpo celeste oppure liquefatta dalla corona di una stella oppure…

        Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...