Sguardi

Diede uno sguardo alla stanza vuota, che lo prese senza dire niente, ma del resto era vuota, così almeno adesso aveva qualcosa. Dopo un po’ preferì tornare sui propri passi, calpestandoli. Era fatto così.
Passò di lì una vecchia fiamma, per fortuna il posto era ignifugo, diede un breve sguardo anche a lei, che non se ne avvide e andò avanti per la sua strada: dannazione, ne aveva comprato un bel pezzo, e per non camminarci sopra toccava fare un bel giro.
Mentre proseguiva percepì sguardi imbarazzati, da chi non lo seppe mai, sguardi arrosati, che però restarono nell’ombra. Si voltò di scatto, ma niente. Buttò uno sguardo in tutte le direzioni, questi fecero un po’ di rumore rimbalzando sull’asfalto drenante. Non troppo però. Nessuno rispose ai suo sguardi, va anche detto che gli sguardi non dissero niente, e pertanto nessuno lì sentì.
Passò oltre una vetrina in allestimento e sparì in un vicolo. Adorava quel potere!


6 pensieri riguardo “Sguardi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...