Concorso letterario Bisarca

Concorso Bisarca 2019, edizione Test.

Domani (16 agosto) ore 20.00 (se ho pianificato bene l’articolo) verranno pubblicati gli articoli che regoleranno il Premio Bisarca 2019, versione Test. Il logo 2019, è pronto (come si vede qui sopra)*.

Per avere un’idea, per prendere le misure sull’argomento e sui criteri, si può fare riferimento ai link qui sotto.
Più che tanti scrittori, si spera di avere tanti lettori.

Altri riferimenti [L’inizio] [Primi dettagli][Primo step]


*Sì, il disegno è quel che è.

Concorso?

Il miniconcorso

Facciamo finta che da domani si voglia fare un miniconcorso letterario. Ne esistono mille, quindi il mille e un esimo non sposta il mondo. Com’è il detto? Un pappagallo sulla schiena di un elefante non ne cambia il peso*.
Da cosa si potrebbe partire? Dal definire le regole? Le date? La forma?
Potrebbe essere utile partire invece dai lettori, che poi sarebbero la giuria, o dai voti, quindi da 1 a 5, oppure numero di preferenze?
Meglio giuria popolare e quindi chiunque vuole dire la sua? Oppure un pool di lettori predefiniti e sconosciuti, anche tra di loro, per evitare interazione con i candidati e influenza reciproca? Ci sarebbe poi un presidente di giuria?
C’è chi preferisce fare la conta dei like, però così si rischia che a vincere sia il concorrente con più seguito: più amici, più followers, più voti. Chi dice che poi il suo racconto sia veramente il migliore?
E il premio? Visto che siamo a scherzare, il premio sarebbe solo una sonora (e virtuale) pacca sulle spalle! Attirerebbe qualcuno?
Sono tutte ipotesi, e con le sole ipotesi non c’è molto gusto, quindi, perché non provare a giocare? Vediamo.

Intanto il nome… Premio Bisarca? Concorso Di Colpa? Minicontest La Calura? Potrebbero andare come nomi?
Poi la lunghezza: dalle 2.000 alle 10.000 battute, spazi, virgolette e segni di interpunzione inclusi? Troppo poco? 100.000? Troppo?
Genere? Qualunque? Perché no? Oppure solo alcuni: storie di vita famigliare, storie oniriche, storie per ragazzi?
Si potrebbe dare un tema generale? Ad esempio: deve parlare di scarpe, oppure di sociale, oppure di sabbia… oppure tema libero?
Le date? Se troppo lontana è la data di consegna, si rischia di avere troppi racconti e molti ripensamenti, se troppo vicina, nessun partecipante (e questo sarebbe triste).
Dovrebbe avere, il concorso, un suo simbolo? Un’immagine? Chessò una stilografica che incide il ghiaccio**?
Insomma, quale potrebbe essere, in generale, la giusta strada per creare un concorso credibile?

In conclusione poi, una volta formulata questa serie di ipotesi, quale potrebbe essere il concorso letterario ideale***, e perciò il concorso a cui partecipare? (Come lettori, o come scrittori).


*spero che esista
**se cercate concorso letterario sui motori di ricerca, vedrete un fiorire di penne stilografiche, pennini, piume e al più qualche macchina da scrivere… forse sarebbe meglio una tastiera consumata.
***poi si dovrà scrivere il libro Concorsi letterari fantastici e dove trovarli

5°concorso – Booktribu

Prontamente ribloggo che…

5° Concorso Letterario Nazionale: Pronti? Via!

26 giugno 2019

Con l’estate, in arrivo la Quinta edizione del nostro Concorso Letterario Nazionale!

Il periodo migliore per dedicarsi alla lettura, alla scrittura e per candidare il proprio romanzo inedito.

Stiamo costituendo la nuova squadra di Lettori Forti di quest’anno. Mancano solo gli Scrittori! Sono già dodici gli Autori premiati nelle scorse edizioni, dal Premio Community, al Premio Trama, il Premio Mainstream, il Premio Young Adult e tanti altri… Quale sarà il prossimo Premio? E soprattutto, chi sarà il prossimo vincitore?
Quest’anno, una novità. Ci sarà una sezione dedicata ai racconti, con tema “Live Your Belief” – “vivi ciò in cui credi” il payoff di BookTribu, e i migliori costituiranno…

[Vai all’articolo] [Vai al regolamento]

Finisce anche la seconda tripletta

Ed è terminata anche questa seconda tripletta di libri, e di presentazioni. Devo dire che è stato divertente, soprattutto per il contatto con gli autori.
Ringrazio i tre autori, anzi in questo caso le tre autrici, che si sono prestate a questa sequenza di post, con oggetto i loro scritti.

Già che ci sono ne approfitto per indicare il link alle schede dei libri, dove è stato aggiunto anche Ti sento ogni notte.

[Vai alle schede]

 

 

Anteprima della settimana – quando a scegliere sono altri

Prosegue questa settimana dedicata al libro di Sara Tricoli, Semplicemente dislessia, storia di una ragazza come me.

La ragazza, convinta che nulla potrà turbare il suo progetto di ozio e relax, vede crollare suoi sogni quel giorno stesso; sua madre ha altri programmi per lei: dovrà andare in una scuola speciale, per migliorare il suo futuro rendimento.
Ovviamente Clara non ne è per nulla felice e sapere che rivedrà un cugino, che è praticamente un estraneo, non la rincuorerà per nulla

[Anteprima del libro]

Non sprecare il cibo

Oggi è l’ultimo giorno dedicato a Il gusto di non sprecare. Da giovedì 16 la settimana dell’anteprima sarà dedicata al libro di Sara Tricoli, Storia di una ragazza come me.

Non sprecare il cibo. Quante volte i genitori lo hanno detto ai figli? Boh, forse oggi non più, non viviamo forse nel mondo degli sprechi?
Gli sprechi, però, cominciano anche con la spesa, e finiscono con l’assenza di idee su come riutilizzare quello che avanza.
Quello che si prefigge il libro di Paola, Il gusto di non sprecare, è proprio questo, si parte dal capire cosa si compra e si arriva a cucinare quanto avanza così da creare ricette che soddisfino soprattutto il palato.

Quando si parla di avanzi, si può pensare a materie prime non più utilizzabili, magari andate male. Ecco, prima di arrivare a quello, il libro affronta come ripensare la spesa, la gestione del frigorifero, e la finalizzazione di ciò che è rimasto inutilizzato, così che non vada in malora.

Non guasta un altro aspetto, il libro è scritto bene, scorre e appassiona.

Link alle anteprime
[su amazon][su kobo]

Anteprima della settimana – Il gusto di non sprecare

E’ giovedì, si cambia, finisce la settimana dedicata a Ti sento ogni notte, e si comincia con l’anteprima di un libro di consigli, ovvero Il gusto di non sprecare.

Oltre a essere un bel libro di ricette, ha uno stile e una scorrevolezza invidiabile. L’arte di riciclare e rendere gustosi tutti i piatti.

Il gusto di non sprecare, di Paola Bortolani

Link alle anteprime

[su amazon][su kobo]

Qui la copertina “natalizia”