Sardine

Il cielo era sgombro di nuvole, se ne sentiva l’odore, come d’olio e sale e quel non so che di umido. In basso il parcheggio pavimentato a lisca di pesce, richiamava ai ricordi di infanzia a Porto Rodondo, accerchiato da amici che facevano quadrato, per un problema quasi impossibile da risolvere, la faccia da triglia.

Decaloghi consigli e fantascienza

…oppure non servono? Comunque sia, per chi volesse cimentarsi e ottenere il responso di una giuria competente:

Urania Mondadori bandisce la nuova edizione del premio Urania per il miglior romanzo di fantascienza italiano inedito.
IL CONCORSO SI SVOLGERÀ SECONDO LE SEGUENTI NORME:
1. Sono ammesse solo le opere in lingua italiana, inedite. I romanzi dovranno avere una lunghezza minima di 200 cartelle dattiloscritte e una massima di 300 (di 2000 battute ciascuna, spazi vuoti compresi).
2. È consentito partecipare con una sola opera.
3. Il contenuto dovrà essere strettamente fantascientifico. Non saranno accettate opere di fantasy o weird/horror.
4. …

gli altri punti del regolamento si trovano al link qui sotto

http://blog.librimondadori.it/blogs/urania/2022/07/13/premio-urania-2022/

Riflettendo sui punti è interessante sottolineare il 3 contenuto fantascientifico, il famoso what if. Anche la lunghezza non è male, 200 pagine minimo di 2000 battute ciascuna (ok, valgono spazi e puteggiatura) non è poco.


Qui di seguito un link a una pagina dissacrante e odiosa, chi scrive con passione e diletto, non clicki.

Altrimenti clickare qua


Risultati del Concorso Bisarca 2022

Anche questa edizione del Concorso arriva al dunque, ai risultati. Come sempre niente potrebbe accadere senza la partecipazione del pubblico e dei concorrenti. I racconti hanno suscitato un mare di commenti, e questo già di per sé è positivo, e rende vivo il concorso. A tutti grazie, ancora una volta grazie.

Ma ecco i risultati

Primi a parimerito

Il motivo e Nemico orgoglio

si segnala anche, fuori concorso (e quindi non votabile ai fini della classifica)

La Maledizione del Grimorio Oscuro

Arrivederci alla prossima edizione 2023, e soprattutto pronti per il nuovo Crom Award 2022

Come Fontana?

La semplicità complessa di alcuni quadri di Fontana è risaputa, la serie dei “tagli” pare che susciti lo stesso impegno interpretativo di opere apparentemente più articolate. La domanda che ci si può porre è: scrivendo e cercando di essere diretti, si può squarciare quella tela che separa il testo dall’immaginazione? E il lettore, sarebbe poi capace di non offendersi se qualcosa ce lo deve mettere lui? Oppure odierebbe dover immaginare o, addirittura, non sapere tutto? Si può cioè accettare di non sapere?
Da questo pensiero la domanda: un testo che lasciasse il lettore nel dubbio su certi aspetti e certe scelte dei personaggi, verrebbe da questi tollerato? Oppure la prenderebbe male, come una personale offesa e mancanza di serietà da parte di chi scrive? Come rendere, quindi, quell’incertezza che fa scegliere in modo all’apparenza sconsiderato i personaggi? Va spiegato sempre il perché, come accade nelle serie tv dove esiste il cinque minuti di spiegone? Oppure col flash back? Introducendo il personaggio didascalico?
Non, so, io sto con Fontana.

Lo so, il quesito divide… ma del resto è un taglio, no?

La forza del cestino – Evaporata

Il destino è quel che è, in questo caso il cestino è quel che è… lo spiga nel suo post Evaporata.

Quel cestino attraeva tutto con una potenza inaudita, ormai succedeva da mesi e si domandava dove avesse trovato la forza irresistibile che portava tutti i suoi pensieri nella spazzatura. Era un cestino con la personalità di un critico assoluto arruolato per eliminare ogni forma di reazione cerebrale non conforme ai principi prestabiliti dal pensiero comune. […]

Vai all’articolo originale La forza del cestino — Evaporata

Perché il racconto è sparito?

Il racconto di fantascienza pubblicato ieri su questo blog è sparito per ragioni di ordine sociale, ovvero: metti che qualcuno, sapendo che tra quattrocento anni scarsi il nostro pianeta sarà inghiottito, la prenda male? Sono grandi responsabilità, e sicomme mio zio diceva che da grandi responsabilità derivano grandi problemi, specie se non hai grandi poteri, allora ecco che non si poteva lasciare qui, no, niente affatto.
Ma tranquilli, che tra un po’ sarà senz’altro ripubblicato, in forma deluxe, con copertina in rilievo e poi nella versione speciale Lucca 2022!

O forse no…
Per chi ama la fantascienza, invece, suggerisco questa serie di racconti più unici che radi*
[La teiera di vetro]
[The gathering (saga)]
[La caldaia]
[Messaggio-2007tn165]
[Scorpio]
[Strumenti di distrazione]

Come si noterà i primi tre (evviva) sono scritti da gente brava 😀

*non è un refuso.

Nuova edizione del Bisarca in arrivo

Il 2022 si aprirà con la nuova edizione del Concorso non a premi Bisarca, ancora è presto per indicare l’indirizzo che dovranno avere i racconti, ma vista l’esperienza delle precedenti edizioni, e visto anche il piacere della lettura data dai racconti che hanno partecipato negli ultimi anni, c’è da aspettarsi un ottimo livello e coinvolgimento.

E’ per questo che, per intanto, si individua nei due concetti di “Motivo” ed “Emotivo” il fulcro dei prossimi racconti.

Come detto però, è presto, ed è ancora il 2021… A tra qualche mese per maggiori dettagli.

Pensiero leggero, leggeró – Evaporata

Altro reblog, in questo caso i libri sono molti, da leggere tutti. Evaporata l’autrice (è il nome di piuma, non che è evaporata davvero)

Se vi manca un piccolo regalo “formato pensiero”, propongo l’acquisto dei miei libri. Esistono tutti sia in forma cartacea, sia kindle o e-Book, per informazioni e acquisti cliccare sul cuore. Cliccami Grazie! 😀

Pensiero leggero, leggeró — Evaporata

Qui sotto un po’ di articoli dove si parla delle sue opere
[L’illustratore di coriandoli]
[Leggermente Evaporata]
[Storie senza mutande]
[La bambina surgelata]
[I blog di una donna senza segreti]
[Maldestra e mancina]

Questi sono stati letti tutti, e trovati tutti da leggere!

Dovrei averli indicati tutti… credo