Nasceva oggi, 20 agosto

HP Lovecraft!
Leggete leggete e capirete perché l’adorabile descrittore dell’inconscio, degli incubi e dell’onirico, risulta sempre una buona lettura. Bello passeggiare nelle sue città in rovina oppure sentirsi osservato da creature che vivono oltre quello che noi riusciamo a percepire e ancora, quel delizioso senso dell’incombenza di un pericolo.
126 anni fa nasceva… sembra ieri vero?

Black Sabbath

INFO !MUSICA

…si è un autore controverso, lo so… ma io ripenso ai suoi scritti e non ad altro.

E si comincia da qui dal Thriller di novembre

Si ricomincia dal primo novembre inoltrato, sostanzialmente quasi il due, dopo che le candele nelle zucche si sono spente, che i dolcetti hanno cariato denti, lasciando spazio ai nuovi non più da latte e via discorrendo, ecco il mio pensiero su… L’orrore!

zucca-giallaDovevo scrivere il seguito de, Il thriller della zucca, ma mi sono disperso in mille altre attività, non ultima quella del ragù.

In fondo niente è meglio che fare il ragù aggiungendo anche la salsiccia, quando ti dicono che è pericolosa, nuoce, assassina subito, al volo! Amo il brivido – e non volevo buttar via la salsiccia d’avanzo. No tranquilli, non esagero mai con la carne, lo so che intasa le vene e rende più agitati i sonni.

Facezie e commenti a parte, qui sotto un abbozzo di un racconto (non troppo editato) a tema il Thriller.

Intanto beccatevi l’ambientazione e la intro – leggerla è tutta un’arrampicata, lo so.

Continua a leggere “E si comincia da qui dal Thriller di novembre”

Come si fa a trasformare in scrittura le paure? Come si fa a usarle e ad inserirle nella giusta misura, perché siano descritte correttamente al fine di trasferire sul lettore quella specie di colla umidiccia, o se vogliamo di gelo che scende piano dalla gola e va nei polmoni, per arrivare giù, fino alla base della spina dorsale e che fa saltare in aria quando parte il frigorifero col suo rumore improvviso?

Continua a leggere “Le paure”

Le paure

Sconosciuto e ignoto

shape0001
Ci sono luoghi in Italia sconosciuti, dove si manifestano strani eventi e dove si ha timore ad andare.
Ci sono posti dove si percepisce come un ché di magnetico, di impalpabile e di elettrico; sono quei luoghi dove ci viene la pelle d’oca… Lì dove si incontrano l’ignoto ed il sussurrato.

Più o meno come accade leggendo alcuni errori di italiano, che è lingua un po’ ignota.
Ne ho fatto una pagina riassuntiva che aggiornerò [ QUI IL LINK ]  servirà anche a me.

E ora un po ‘ di inquietudine da fantasma…