La scogliera


La scogliera

La strada che porta sino alla scogliera è immersa nel verde e lunga quasi un chilometro e Luciano lo sa, perché la percorre a piedi di corsa tutte le mattine, e proprio quella mattina lui corre più forte perché è in ritardo, cerca di arrivare il più in fretta possibile e ansima e suda, nonostante il vento costante che viene dal mare.
Ha fatto tardi a scrivere il suo messaggio e sa che se non arriva in tempo si pentirà dell’occasione mancata, sa che non rivedrà più né Ilaria, né il suo ragazzo, Gianpaolo e questo non potrà più perdonarselo, ci dormirà male per tutta la vita e quindi corre, con urgenza, non vuole fantasmi.
Sente il ferro sotto la lingua, la gola è secca, una fitta alla milza. Sta superando il suo limite e si sforza di focalizzare davanti a sé Ilaria e Gianpaolo: lei perfettamente nitida nei suoi ricordi, lui un tipo sbiadito dalla barbetta ispida gli occhi chiari e poco più, lui a cui Luciano aveva dato amicizia prima del litigio.
Li rivede sorridenti: Ilaria e Gianpaolo insieme in una foto nella bacheca di istituto. La gita per “nonsoddove” e poi era successo, il disastro.
Ecco, ecco, deve sbrigarsi o sarà tutto perduto; la scogliera che domina sul mare, sulle rocce sotto, contro il vento urlante che muove le onde lunghe, presto! Ultimi passi, ancora non li scorge. Che abbiano già mollato tutto, che siano già oltre…? Terribile.
Si avvicina al bordo fino al limite della prudenza, lì in basso ci sono venticinque metri di salto e pietre. Scruta, guarda, osserva, alla fine li nota laggiù più in basso, avvolti nei loro salvagente arancione, forse sorridenti seduti a poppa, o come diamine si dice, della barca a vela del ragazzo. Si abbracceranno, avranno fatto sesso quella mattina e lei avrà preparato la colazione, giurando amore e fedeltà a lui, Gianpaolo l’amico di sempre, che mai avrebbe lavorato alle spalle, ai fianchi, staccando, scollando Luciano da Ilaria, che in fondo non lo voleva poi così fortemente. Storie che passano, storie da giovani e poi una parte della colpa era anche sua, Luciano lo capisce.
E’ il momento. Sa che guarderanno verso la sommità della scogliera, sa che il suo gesto verrà colto, ed è così, perché Ilaria lo indica, e lui risponde con un cenno. Ecco, un ultimo passo verso il bordo e Luciano si gira di scatto, si china, si cala i pantaloni e mostra il culo, bianco e tondo! Da quella distanza i due in barca forse non possono leggere; sulla chiappa sinistra c’è scritto FAN, sulla destra CULO. Il pennarello andrà via tra un mese, ma la soddisfazione, quella resterà indelebile.
FAN CULO.
Il vento gli sferza le chiappe, ma non importa, è fatta. Si tira su i pantaloni e neanche si volta, riprende il sentiero al piccolo trotto e torna giù, con un sorriso tranquillo.


 Licenza Creative Commons
Tutti i racconti sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Salvo laddove non sia espressamente indicata altra licenza.
Dove si applica, sono possibili adattamenti purché vengano condivisi allo stesso modo
https://ilperdilibri.wordpress.com

Annunci

46 pensieri riguardo “La scogliera

      1. Fino all’ultimo si teme la tragedia e … solo dopo si capisce che il ritardo è stato originato dal tempo perso nello scrivere col pennarellone!!

        Mi piace

      1. Credo che se non si deroghi qualche volta, se non si commetta qualche sciocchezza qualche volta e se non si sbagli ogni tanto, poi non si riesce a capire gli altri veramente. Certo è il mio parere… Conta per quel che è.

        Mi piace

      2. Quando sei giovane rifletti di meno su quelli che dici o fai… oggi ci pensi due fine 5 volte prima di fare una follia 😀 … ma credo cose impulsive fatto dal passato sono quelli che mi rimangono sempre bene nella mente anche se alcuni oggi non farei più… ma dentro di me mi fanno ridere …

        Liked by 1 persona

      3. Sai io non mi scuso mai per quello che ho fatto… solo se ho ferito un’altra persona… ma per le mie azioni non servano scuse… anzi coraggio a rifarli 😀 almeno alcune

        Liked by 1 persona

      4. già… dovrei farlo ci penserà sopra… cosi la gente conosce anche l’altro lato di me 😀 … lo farò in avanti adesso stiamo restaurando alcune cose della nostra casa 😉

        Liked by 1 persona

      5. un lavoro faticoso, tante cose facciamo noi stessi … ma sono cose che devano essere fatti 😉 abbi una buona giornata … Bussi caro Gianni

        Liked by 1 persona

  1. Ahahha, bella Gianni. Mi fai tornare alla mente un gesto analogo, ma senza la scritta, che ho compiuto davanti un gruppetto di adolescenti irriverenti e cannaioli, che mi pigliavano in giro mentre passavo correndo davanti a loro lungo l’argine del torrente. Beh, dopo aver ammirato il mio nobile culo si sono zittiti con la canna a mezz’asta. Da quel giorno quando passavo nella boschina dove loro di nascondevano non mi hanno più presa…visto che il culo l’avevano già preso in faccia. 😀

    Liked by 1 persona

    1. Fantastica! Secondo me hai creato un caso / sogno masturbatorio nelle loro menti!
      Ma poi, non si potevano far le canne e godere del momento senza rompere l’anima al prossimo?

      Mi piace

      1. Non so, perché nel gruppetto c’erano anche un paio di ragazzine ed erano proprio loro a spingere la giostra, ma quando hanno visto che avevo una faccia da culo peggio della loro devono essersi un po’ stupite. 😀

        Liked by 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...