Anteprima della settimana – Il gusto di non sprecare

E’ giovedì, si cambia, finisce la settimana dedicata a Ti sento ogni notte, e si comincia con l’anteprima di un libro di consigli, ovvero Il gusto di non sprecare.

Oltre a essere un bel libro di ricette, ha uno stile e una scorrevolezza invidiabile. L’arte di riciclare e rendere gustosi tutti i piatti.

Il gusto di non sprecare, di Paola Bortolani

Link alle anteprime

[su amazon][su kobo]

Qui la copertina “natalizia”

 

 

Anteprima della settimana – ancora su…

E siamo sempre a parlare di Ti sento ogni notte, che nel frattempo ho quasi finito di leggere. Ha un difetto, se di difetto si può parlare, si legge in un attimo.

Alla domanda sulla copertina l’autrice risponde:

La cornetta c’è perché è il dramma iniziale, quando suona il telefono in reparto. Poi il “sentire” amplia di significato

E in effetti è così.

[Anteprima][Blog dell’autrice]

Anteprima della settimana. Da dove nasce?

Il libro come nasce? Dal titolo, almeno questo.

Il titolo è stata la prima cosa che mi è venuta in mente, da quel momento in poi ho iniziato a scrivere una storia in parte autobiografica, molte cose che ho raccontato sono realmente accadute.
È stato semplice parlare di Carol, molto più difficile “inserirmi“ nella mente del protagonista maschile.
Ho letto tanti libri durante la stesura del mio, mi sono documentata su Dublino, sugli artisti irlandesi, su ogni minimo particolare descrittivo per poter rendere le storia il più vera possibile.
Maida

Musica (Scelta dall’autrice)

Moment of surrender, U2

Link Utili

[Vai all’anteprima] [Blog dell’autrice]

Anteprima della settimana – Ti sento ogni notte

Ripartono le anteprime della settimana con Ti sento ogni notte.

Cosa c’è di più vicino della voce di una persona lontana? Ah, il telefono. Cosa si può dire non vedendosi?
La copertina è intrigante, il colore acceso, le immagini contrastate, quasi da noire. Non è solo questo, è una storia, come dice la sessa autrice, con tutte le accezioni che “storia” può avere.
E’ tutto quello che so, per ora, perché sono indietro nella lettura di

Ti sento ogni notte, di Maida Bovolenta

Dettagli del libro

Formato: Formato Kindle
Editore: Manoscrittiebook (12 marzo 2019)
Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
Lingua: Italiano
ASIN: B07PMDMP8C

Link Utili

[Vai all’anteprima] [Blog dell’autrice]

Anteprima sulle prossime anteprime

E’ passato qualche giorno dalla fine del primo set di anteprime. Esperienza positiva per me, presumo anche per gli autori, e per chi ne ha tratto spunto per una lettura interessante. E’ l’ora adesso di partire con tre nuove anteprime, e per farlo ho scelto altri tre libri. Non si inizierà prima di una settimana, non prima cioè del 2 di maggio 2019.

Ecco la lista.

1 – Ti sento ogni notte, di Maida Bovolenta
2 – Il gusto di non sprecare, di Paola Bortolani
3 – Una ragazza come me, di Sara Tricoli


Oh, tutte donne? Ma scrittori uomini? Appello: orsù.

[non clickate qui]

Le Anteprime, ovvero i tre libri

Ed è terminato anche questo primo ciclo di anteprime, spero sia stato utile, io mi sono divertito. Da oggi i post tornano “normali”, le anteprime ritorneranno dal 1° maggio, con altri tre libri parimenti interessanti.
Il tasto di anteprima libri, quello nel menù che appare in basso, rimanda a Bob l’orso! L’animale più grosso, peloso e innocuo del bosco.
E qui il link ai tre libri

Mi presento, sono la Mosca – Alessandra Marcotti [anteprima]

Storie di un illustratore di Coriandoli – Nadia Mogni [anteprima]

La passerella – Rosario Galatioto [anteprima]

Questo slideshow richiede JavaScript.

Scrivere cambia?

In questa setttima dedicata al suo libro, ho chiesto a Rosario, autore di La passerella, proprio questo: scrivere cambia? Ognuno può interpretare a modo proprio a cosa si riferisce quel cambia, qui sotto la risposta

Sì, è vero nello scrivere qualcosa è cambiato. Scriviamo per mettere ordine alle idee. Nel caso specifico, mi interrogo ogni giorno quanto vorrei essere di più, fare di più per i miei figli, rispetto a quanto riesco. Mi interrogo su come certe cronicità nei rapporti oscurino il buono che ciascuno potrebbe dare. E’ come vivere occasioni sporadiche di “buone possibilità” sprecando necessariamente tanta intensità di energia che si perde per difficoltà di arrivare dentro.

Da un lato, scrivere fa mettere a fuoco maggiormente le problematiche (e quindi anche in questo specifico caso). Ho imparato per riflesso che da quando sono dall’altro lato della barricata, perdi una parte del ruolo di genitore, si perde la parte autorevole. Questo butta molto giù e si scontra con lo sforzo titanico di volerci essere sempre. Poi ti accorgi che cambia la modalità: i figli chiedono aiuto quando serve. Ti riconoscono nel ruolo nel momento in cui devo entrare in azione. Sono loro che segnano il tempo del tuo ruolo genitoriale.
E’ cambiato in me, quindi, l’atteggiamento. Rimango sempre l’adulto. Non posso più dire loro di stare tranquilli, seppur si èintensificata la quantità di volte che glielo direi.

[La scheda] [Anteprima del libro]
[Il blog dell’autore]

Ed ecco la foto live – La passerella

Con i potenti mezzi… lo so è un po’ fuori fuoco, o perlomeno lo sembra, ma no, è proprio appannato l’obiettivo, perché negli smartphone l’obiettivo è proprio dove a me viene naturale mettere il dito mentre lo estraggo di tasca. Comunque a essere importante è il contenuto, in questo caso il libro La passerella, protagonista de l’anteprima della settimana.

Per approfondimenti [clickate qua] oppure per andare all’anteprima, sul tasto qui sotto.

Anteprima Libro

Ho domandato a Rosario (l’autore) quale brano può rappresentare un bel commento musicale per il libro e lui ha indicato questo