Piante in vaso e fantascienza

Sulla fantascienza.

Ancora? Sì, ancora.
Per esempio Apollo XIII è fantascienza? No, è anzi un film storico.
Allora Alien? Sì, quello sì, che succederebbe se, nel futuro, quando gli umani popoleranno lo spazio interstellare, ci imbattessimo in una specie che ci vede come ottima incubatrice per le loro uova?
E parlare di piantine in vaso e di anziane signore, è fantascienza? Dipende…
Da cosa? Da tanti fattori, dalla domanda “cosa succederebbe se”, ma forse anche dalla domanda “cosa non succederebbe se”..
Per capire di cosa si tratta, provate a leggere [Piante in vaso]… che l’invasione abbia inizio… o forse no.

Tratto da Apollo XIII, scena del decollo.
Effetti speciali così ben fatti da risultare invisibili, ottimi, ma è fantascienza? No, è ricostruzione.

A breve un’invasione

Il format classico di una serie sugli alieni qual è? L’invasione, alieni mutanti, intelligentissimi, cativissimi, perché non ci considerano una specie intelligente. Arrivano, si insinuano, ci combattono e alla fine? Beh, c’è da vedere la serie no?
Ora, ma che ci faranno mai ‘sti alieni del nostro pianeta? Magari una bella discarica? Oppure, visto il clima, un resort gigante dove passare l’inverno? Ci mangeranno perché per loro siamo come mucche al pascolo? Ci verranno in ferie?
Ti immagini l’alieno che abita sul pianeta Iximus, coperto perennemente di ghiacci, che inverni potrà mai avere? E così, dopo attenta valutazione, ha trovato questo pianetino che ruota intorno a un sole giallo, sufficientemente riscaldato* e dice “ma perché non andare lì, che sembra un bel posticino?” ed ecco che parte, ma visto la distanza, non è solo, no, si porta con sé tipo due milioni di simili e cento e più navi stellari, che impiegheranno millenni, forse più.

Stop, non dico altro, non dico che forma possono avere gli alieni, né come intendono invaderci o come sopravvivono nel loro freddo mondo. Questo sarà oggetto di un ulteriore post.


*no no, non è un accenno al surriscaldamento globale, anche perché gli alieni ci studiano da almeno 300 anni, inviando sonde, esploratori, simbionti che già popolano la terra.

Nell’immagine la Repentaglia IV.

 

La premiazione – Concorso Bisarca 2019

Dopo una attenta valutazione dei voti, delle regole, perfino degli IP di chi ha commentato (non ci si fa mancare nulla…)  e dopo una lunga consultazione con gli arbitri (che poi sarebbero uno)…
Ecco il racconto vincitore del Concorso letterario Bisarca 2019.

Con un parimerito strepitoso, citati qui di seguito in ordine alfabetico, i tre racconti vincitori:

Natura e desideri
Portami a casa
Rotelle


Grande applauso a tutti i partecipanti, per avere contribuito con vere piccole grandi perle.
I vincitori potranno fregiarsi del titolo, del premio e, se lo vorranno, esporre il banner qui sotto.

Arrivederci all’edizione 2020

VOTA il concorso Bisarca 2019

Votazioni aperte, da oggi sabato 2 novembre 2019 fino alle ore 19:59:59 del giorno venerdì 8 novembre 2019, si potrà votare per il concorso.

Come si dovrà votare?
Il voto si esprime (con unica preferenza) con un commento in questo articolo che state leggendo. Nel commento si dovrà scrivere voto per “titolo del racconto” le regole parlano del solo titolo, preferenza che si può indicare, appunto, anche col solo titolo.

Potrà votare solo chi abbia letto (e scritto un commento) sulle pagine di tutti i racconti partecipanti.
Alle ore 20.00 del giorno 8 novembre i commenti saranno disattivati e si procederà al conteggio.

[regolamento]

Qui sotto eccoli i racconti in un nuovo ordine pseudo casuale

Rotelle,
Verso la Luna,
La mia settimana,
Portami a casa,
Vampiri,
VIVERE,
L’amore ai tempi di Super Mario,
Natura e desideri,
Chutzpah

VOTATE VOTATE VOTATE


 

Quando la luna si tinge di rosso…

Qualche tempo fa, a causa di una foto pubblicata di Liza, e a causa di alcune considerazioni sulla stregoneria, l’interpretazione dei segni, e la divinazione*, è stato scritto un breve racconto sulla luna.
Visto il periodo, ci sta, no? Vi consiglio anche leggere il post d’origine…ovvero:

Luna rosso sangue

Il pescatore che avesse levato lo sguardo dalle reti per volgerlo al cielo, avrebbe incontrato, tra i rami degli alberi al limitare della spiaggia, una luna color sangue.
Intento a preparare, come altri in quel momento, le proprie di reti, ce n’era uno in particolare. Un vecchio pescatore di nome J. dalla pelle cotta come il cuoio, e gli occhi attenti.
Il pescatore J. quel giorno sapeva, perché gli era stato predetto, che avrebbe immerso il remo nel mare per l’ultima volta.
«Immergerai il tuo vecchio remo un’ultima volta ancora, e poi mai più, e questo accadrà al primo sorgere di una luna rossa come il sangue, in alto a sud ovest».
A parlare era stata la strega del villaggio vicino. J. ci era andato il mese precedente per comperare nuovi abiti. Come aveva visto la vecchia, le si era avvicinato per farsi predirre il futuro, pagando le due monete dovute, e attendendo paziente.
«Sbagli mai strega?» aveva chiesto, dopo il terribile responso.

[cicka qui per leggere la conclusione]


* e anche alla peperonata…

Concorso Bisarca 2019 – si approssima il giorno del voto

Si avvicina la data della votazione,  ovvero sabato 2 novembre 2019 ore 00:00:01! Da quel momento si potrà votare sino alle ore 19:59:59 del giorno 8 novembre 2019.
Come si dovrà votare?
Il giorno 2 novembre sarà pubblicato un articolo intitolato:

VOTA il concorso Bisarca 2019

Il voto si esprime (unica preferenza) con un commento a quell’articolo, nel commento si dovrà scrivere voto per “titolo del racconto”.

Potrà votare solo chi abbia letto (e scritto un commento) sulle pagine di tutti i racconti partecipanti.
Alle ore 20.00 del giorno 8 novembre i commenti saranno disattivati e si procederà al conteggio.

[regolamento]

Qui sotto eccoli i racconti in un nuovo ordine pseudo casuale (ho usato un dado a 10 facce stavolta*, scartavo lo zero).

Portami a casa,
Rotelle,
VIVERE,
La mia settimana,
Vampiri,
Natura e desideri,
L’amore ai tempi di Super Mario,
Verso la Luna,
Chutzpah

Clickate sui titoli per scoprire i partecipanti. Buona lettura.


*passato da giocatore di giochi di ruolo…