Viva la rai – http vs https

Ehilà… volendo rivedere un film che mi ero perso dal sito rai tv, rivedi la rai eccetera, mi sono collegato come faccio sempre, stavolta però mi son trovato il “cartello” registrati se vuoi vedere il contenuto multimediale (tra l’altro parte dal 21 agosto 2017 l’obbligo…) e che ti trovo appunto nel 2017? Un pagina di login e quella di registrazione in chiaro, non crittografata non https per intenderci! 🙂 Io me ne so’ accorto ora, perché solo ora ne ho avuto bisogno, ma chissà da quanto… A rischio di farmi aumentare il canone  (beh, è nella bolletta elettrica, cosa potrebbero farmi di più?) o diffidare per averlo scritto… vi illustro cosa intendo.

Qui sotto la registrazione

Qui la pagina di login

Qui se si clicka sul disegno del lucchetto rotto

Qui un particolare dei dati richiesti (nome, cognome, data di nascita, email)

Io ho scritto la cosa al loro servizio scrivi alla rai, ovviamente una connessione non sicura! 😀

Dopo che ho visto anche questa mi son detto, dai ne faccio un post! 🙂 🙂

PS.: ho fatto trascorrere qualche ora dopo la segnalazione, anche se non penso di essermene accorto solo io….

 

 

Quando neanche l’i7-4770…

È caldo.

Quando neanche l’ i7-4770 riesce a gestire il vostro blog, fatevi due domande…

Che intendo? Be’ che se clicko su alcuni blog, tra animazioni, filmati, widget che rimandano a portali, e un’anteprima dei primi 120 post, piantano una macchina con tale processore!! Az! 😀

È caldo, fate riposare le ventole del PC! Diminuite un po’ le centinaia di banner e post racchiusi nella vostra pagina 1…  E ora musica di primavera

 

 

 

21 luglio

Con un piccolo ritardo… Lo so non c’entra niente con gli argomenti del blog ma chissene… a parlare è un signore che di auto ci capisce, l’ing. Materazzi. Si tratta del suo parere e del suo punto di vista, però per me un racconto  leggendario.

Clickate >> QUI

Si parla ovviamente della F40, di quando le auto si potevano fare partendo da un’idea e non dal progetto monolitico e di quando si cominciò a trovare belli i particolari funzionali e i “difetti” come la trama del Kevlar, oggi questi particolari si pagano.

Certo, c’erano anche Fioravanti, le officine Michelotto, Benuzzi e altri, tanti ottimi tecnici e collaudatori.

 

 

Riff Raff ACϟDC

Quando 37 milioni di anni fa (ok esagero) capii la forza del Metal, mi schierai con chi amava gli Iron Maiden e i Metallica , relegando gli AC/DC in un angolino mentale, oltre che in un angolino del mobiletto con i CD… Tuttavia questa volta farò un’eccezione per ribloggare questo breve e importante post di Trilce. Il sollievo di scrivere: quanto è vero!

edit.: Riff Raff AC/DC Tribute Band