Proverbi Fantasy

Personalmente sono alla ricerca di proverbi e modi di dire che potrebbero venire introdotti in racconti e romanzi Fantasy e/o Fantascientifici puri. La storia potrebbe essere molto più coinvolgente e credibile inserendo qualche modo di dire, plausibile, nei dialoghi dei personaggi, non trovate? Secondo voi, quali potrebbero essere?

Beh a me sono venuti in mente questi qui, è un inizio, un abbozzo

Per il fantasy

  • Meglio una spada oggi che una lancia domani,

  • Tanto va il mago all’artefatto che ci lascia il bastone del potere,

  • Chi di incantesimo ferisce di incantesimo perisce,

  • Draghi e buoi dei regni tuoi,

  • La mamma dell’Idra è sempre in cinta,

  • Scherza coi guerrieri e lascia stare i chierici.

Per la fantascienza

  • Chi lascia la vecchia rotta stellare per la nuova, sa le stelle che lascia e non quelle che trova,

  • Ad astronave donata non guardare nella stiva

  • L’iperspazio premia gli audaci

  • Luna rossa di sera bel tempo si spera (questa è sempre valida)

  • Non ci sono più le mezze galassie

E adesso attendo vostre idee, se vi va!


Link a caso

Gli oggetti e il fantasy

Gli oggetti nei cicli fantasici*

Che ne pensate dell’oggettistica? Cioè voglio dire: un racconto o libro fantasy che si rispetti implica tutta una serie di artefatti e oggetti di varia natura capaci di dare un’impronta ancora più magica e particolare alla storia, dare cioè una spinta alla dinamica di ciò che accade ai nostri eroi (di turno) e magari agevolare trame che altrimenti si infognerebbero senza una soluzione esterna.

Fin qui tutto bene e anzi, tra spade, bastoni, sfere di cristallo**, ciondoli e pergamene, si è visto di tutto. Gli anelli vanno e non vanno… ovvero: una volta che ti hanno scritto su fior di libri e una volta che il buon Tolkien ne ha creati da dare e da serbare, è difficile affrontare la sfida.

Continua a leggere

OK, questa è in effetti delirante.

Non credo siano passate più di 20 ore da quando Kasabake mi ha detto che meritavo una risposta delirante e sincera… io so che lui non delira mai, che racconta, cita e afferma con lucidità. Infatti il suo blog è semplicemente adorabile.

swordinthestormgemmellDevo dire che in risposta al premio Crom Award ha dato il meglio di sé e che, beh ecco forse aveva ragione, è stato un po’ delirante, e magnifico! Leggete qua sotto, leggete! Crom sarà fiero. Un racconto intenso degno di Gemmell e che mi ha ricordato il bellissimo Spada nella tempesta. E allora è proprio la copertina inglese di quel libro che dedico a quanto segue! Clickate e leggete.

Continua a leggere

Un bel caso di fantascienza

Cosa c’è di più intrigante di un bel racconto di fantascienza dove un gruppo di scienziati, armati di tecnologia e scarso interesse per l’umanità, cercano di creare degli ibridi con super poteri, plasmandoli forse chissà per ottenere il controllo del mondo?
Se ci pensate bene di laboratori e cavie, da usare come armi, sono pieni i racconti. Che siano ragazzi morsi da ragni, uomini che rigenerano dotati di artigli e ancora capitani coraggiosi creati per ostacolare il Male, non importa. Alla fine c’è sempre un oscuro gruppo di scienziati.

Ed ecco il primo luogo che viene descritto: il laboratorio. Di solito è nascosto, nei sotterranei di qualche base militare, meglio se nel deserto, oppure all’utimo piano di qualche spettrale grattacielo.
Perché tutto stia in piedi, serve il denaro ed ecco i fondi: sono sempre di origine militare o peggio che mai, di qualche terribile azienda con scopi tutto fuorché benefici.
Si ma chi occorre adesso? Ovviamente le cavie? Sbandati? Studenti con scarso profitto? Magari dei ragazzini con storie non belle e alle spalle famiglie che non li “rivendicheranno”, o anche militari o poliziotti morti. Non sempre insomma ci sarà il consenso, spesso si tratterà di vittime degli esperimenti.
Ed eccoci al punto di rotture: l’esperimento! Può andare bene, oppure non troppo bene e allora ci sono strascichi sul fisico, spesso nell’anima, di certo sarà traumatico. Capire che non si è più uguali a prima e che da quel momento la vita cambierà è sempre un trauma.
E poi c’è il fine, il perché dell’esperimento. Di solito il fine ultimo è troppo, è orribile, è inaccettabile anche per le cavie trasformate, che seppur controllate si ribellano fuggono e diventano ciò che saranno, ecco: il/i personaggi. A sbocciare saranno perciò questi nuovi individui, cambiati; quel concetto di mutanti mai così sviscerato come negli ultimi anni, quei diversi che si trovano bene solo fra di loro eppure difendono – ma anche uccidono – gli altri, i normali.

Ed eccoci alla domanda ultima: che accade se scienziati malvagi vogliono ottenere una nuova e temibile stirpe? Che succede se ad un gruppo di ragazzi vengono infusi i poteri dei peluches, se si vuole trasformare delle semplici persone in ibridi pupazzosi? E cosa ne sarà di loro una volta abbandonato il laboratorio? Questo video lo spiega.

Continua a leggere