Descrivere la paura…

Le lingue sono in grado di parlare di qualunque cosa, e di conseguenza lo scritto con cui le si possono rappresentare, però come rendere tangibile la paura? Sì può descrivere una scena, una situazione, un momento, scegliendo termini secchi, precisi, non lasciare niente di inespresso, niente di non mostrato, e però non riuscire a dare alcuna emozione. Ci sono (pochi) scrittori che sanno farlo, perché il gioco è difficile e il phatos, il sospiro, l’emozione, svaniscono. Forse basta descrivere il fruscio del vento? Forse bisogna toccare i dubbi di chi legge? Fare intuire che qualcosa ci sia di strano intorno ai protagonisti? Instillare il terrore una goccia alla volta. Chissà. Si tratta senza dubbio di un’operazione difficile, perché scadere nella scemenza è un attimo. Se esistesse un unico modo lo userebbero tutti, ma a quel punto farebbe paura? In fondo il trucchetto del gattino che cade davanti agli occhi funziona solo la prima volta.

TENEBRE – GOBLIN Claudio Simonetti