La caldaia

yokai_karakasaobakeVi segnalo il breve racconto La caldaia a opera di mastro Kasabake. Kasabake secondo me è una creatura partorita da internet, in realtà non vive tra noi ma alberga in giro tra i sistemi interconnessi del web.  Schivo abitante degli interstizi dei banchi di memoria, si muove come una nuvola da prima dell’avvento del cloud computing.
Costui ha generosamente inserito in un commento a un mio post una storia istantanea deliziosa. Io non potevo non dare risalto a un simile regalo.

[La caldaia]

Annunci

Una lettura ulteriore

Per chi volesse leggere un racconto (lungo) ispirato dalle scritture di Lovecraft vi segnalo Orrore dal profondo.

Lo iniziai anni fa e per motivi indipendenti dalla mia volontà (forse i Grandi Antichi?) lo interruppi. E’ tempo di ricominciare è tempo di calarsi di nuovo nell’orrore… l’orrore.


H.P. Lovecraft, Grandi Antichi, L’orrore

Rivoluzione interna

Recentemente ho rivoluzionato alcune cose, e altre ancora ne sto stravolgendo, tra queste i racconti lunghi che avevo scritto in passato che, di fatto, sono un po’ acerbi* e intendo riscriverli quasi da capo. Quindi per il momento non sono più disponibili per il download!

A non troppo presto (con loro) e a presto, con altro. 😉

Ora musica! E’ un brano che vi ho già indicato qualche tempo fa, ma è decisamente in tema e ve lo ripropongo**.

 


*eufemismo – so’ proprio da riscrivere da capo

**come la trippa, si ripropone

 

Iniziativa iniziativa

Iniziativa iniziativa

Rischiando di venire sommerso di link e proposte, cosa che comunque mi riempirebbe di gioia, chiedo a chiunque legga questo blog (e possibilmente legga i miei post senza dare MiPiace a caso) di segnalarmi propri racconti che vorrebbe io leggessi.

Non sono un recensore, non sono abbastanza bravo da fare critiche o dare consigli, né sono minimamente accostato a qualunque progetto editoriale o azienda del settore, perciò niente sogni di gloria. Faccio questa richiesta per puro piacere, al più parlerò dei racconti qui sui post di questo blog, semplicemente perché è questo lo spirito de Ilperdilibri.

Vanno bene anche libri, non solo racconti. Ovviamente in quel caso è probabile ci metterò più tempo di quanto voi pensiate sia lecito impiegarci, ma del resto sono lento come una lumaca stanca.

Cosa e come fare

Il formato dovrà essere elettronico, cioè o scaricabile o clickabile. Come fare? Mettete il link di dove volete che io vada a leggere qui sotto tra i commenti.

Come detto e come ripeto, sono lento e soprattutto non posso garantire di leggere tutto e subito. Resto pur sempre un cialtrone! 🙂

Oggetti identificati di un certo tipo

L'asteroide 951 Gaspra

Oggetti identificati di un certo tipo

Oggi parliamo del planetoide 9023, chiamato Mnesthus

Vi domanderete il perché di questo post, ovvero che c’entra il planetoide Mnesthus  con questo blog? C’entra o meglio c’entra il numero 9023! Questo bel numerino che sembra un pin, l’ho usato come password per nascondere un racconto osé (si fa per dire) ovvero “Il giovedì“. E’ nascoso un po’ perché questo blog tende ad evitare certi scottanti (ma quali?) argomenti, parlando al più di polizieschi, di thriller, o maghette e orsacchiotti… e soprattutto per generare quel certo non so ché di morbosa curiosità che mi serviva (che ci sarà mai in una pagina protetta da password di tanto forte?).

Quei quattro numeretti mi sono rimasti in mente dopo una gironzolata su internet, dove non cercavo nulla in particolare ma mi aveva incuriosito la lista di planetoidi ed asteroidi scoperti recentemente. Quando sono andato a scegliere una password per il racconto su indicato, evidentemente influenzato da ciò che avevo letto, ho digitato 9023.

Fin qui niente di particolare se non ché Kasabake, che sospetto abbia davero sangue Jedi, ha capito e non so come ha fatto. Onore a lui! Evidentemente la Forza scorre potente in quelle vene.

Un po’ di dati

Scopritori

Eugere Shoemaker e Carolyn Spellman
Foto dell’asteroide estratta da it.Wikipedia.org

Articolo di servizio

Mi mancano i menu e la segnalazione degli item nuovi nel blog, cioè: non si illumina più la campanella quando ho news da leggere né si aprono più i menu a tendina dei nuovi messaggi… E’ un fenomeno passeggero, sicuramente dovuto a qualche incompatibilità della mia attuale versione del browser e/o qualche nuova impostazione di sicurezza (sono paranoico) che va in conflitto con WordPress & Co., e si risolverà a breve*. Questo per dire che se non vi rispondo è solo perché

1 – sono pigro

2 – non sto spesso davanti al computer

3 – ho anche problemi con i menu

Il punto tre aggrava la situazione degli altri due, ovviamente!

*forse


Saluti da Bob.

 

Dopo il fantastico, cosa fa la fantasia

Stuzzicare la fantasia, una caratteristica, una capacità non banale per chi scrive.

Un bel po’ di tempo fa ho parlato dell’osé, dell’eros e di come trasferire quel certo non so ché nel testo. Una cosa non facile… per niente! Molti i fallimenti editoriali nonostante il boom delle varie 50 sfumature e varianti a colori, RGB o meno.
E allora che vi dico… che ne ho scritto anche io uno, di racconti, forse più ironico, più giocoso, che erotico! Ma non potevo pubblicarlo così, direttamente e allora? Beh è in una pagina protetta a cui potete accedere leggendo le istruzioni di qui sotto.

La password è 9023, e per il racconto clickate >> qui <<

E’ scritta da un me medesimo un po’ arrugginito, quindi abbiate pieta di un povero cialtrone.
Ringrazio pubblicamente chi si è sorbito le versioni demo dandomi preziosi consigli e cioè:

Shera
ChezLiza
Tersite
UnblogUnpocosì
Evaporata

Tutto in ordine assolutamente casuale (ho tirato il dado per decidere come citare)

Bibliografia interna questo post qui