E’ scritto PRIMA di noi, si dica ciò che si sa…

… Ovvero l’importanza di documentarsi, di citare SE si vuole e non a sproposito, e di sapere di cosa si parla.

NASA black hole

Hubble Witnesses Spectacular Flaring in Extragalactic Jet from M87’s Black Hole (Fonte NASA)

Avete mai avuto una di quelle discussioni da “vecchi”? No? Spiego:
tu fai riferimento ad un film degli anni ’70 e ti guardano come se stessi parlando di teoria delle stringhe*, oppure di un brano musicale degli anni ’50… O un libro di cento anni fa e vedi il vuoto negli occhi dell’interlocutore che poi se n’esce con un “ma io non ero mica nato”! Okkey neanche io sono coevo di Mozart, ma forse qualcosa ho ascoltato e perlomeno so il secolo di quando era a corte**! Non sono nemmeno coetaneo di Nina Simone, ma ho i suoi CD, come so di cosa parla Cime tempestose (che ho letto 3 volte sic! senza averne mai capito il senso.) cosicché quando si fa riferimento a quel testo in Wuthering Heights di Kate Bush,… okok mi fermo. Il concetto è chiaro: il pianeta non ha cominciato ad esistere con i nostri 4-5 anni di età (età in cui si presume iniziamo a ricordare le cose in modo più profondo e stabile). Questo per dire che non si può dire “non lo sapevo” se si scrive qualcosa già ampiamente detto e ridetto. Un po’ come citare la cover di un brano famoso e non il brano originale, escludendolo a priori, oppure come il ripetere le gesta dei Tre moschettieri “senza saperlo”!
Finisco dicendo che non è bello non sapere niente di barche, anche se il proprio personaggio offre un punto di vista da neofita.  Ora non dico di fare come il nostro amico Melville e di lavorare davvero su una baleniera… Anche perché poi vi vengo addosso col gommone di Greenpeace! Ma neanche non sapere come si affronta il mare, come si sta su di un ponte, cos’è la cambusa. Eppure com’è affascinante descrivere di duelli, di spade e scudi, e destrieri!
Allora quale conclusione si trae? Io non ne traggo mai, anzi sono il primo che adora i già visto, i già detto, le ripetizioni e gli errori, specie quelli fin troppo prevedibili.

*e a volte sarebbe meglio.
**e se vogliamo pure la(le) corte(i) dove era!

Questo post dovrebbe autodistruggersi ma non lo farà 🙂
Buon ascolto seguendo il drago (nell’accezione più pura e non quella più… “colombiana”).

E a proposito di mare… Toccherà lasciarla ‘st’isola prima o poi, no? Enni dovrà farlo non credete? E navigare d’inverno non è facilissimo.

Il ghiaccio era qui, il ghiaccio era là,
il ghiaccio era tutto attorno:
scricchiolò e ringhiò, e ruggì e ululò

 

Annunci

67 Comments

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...