Emma – Il Thriller della zucca

zucca-giallaPoiché il blog ilperdilibri è ancora in letargo e poiché questo 31 ottore – 1 novembre è passato in sordina, baro e ripropongo un vecchio vecchio racconto per ragazzi.

Quando Emma uscì dal palazzo che fungeva da alloggio degli studenti, quella mattina era sola; intorno non c’era nessuno, era davvero presto, troppo presto per gli altri e anche per lei. Si era svegliata prima dell’alba, perché durante la notte aveva dormito davvero male; dei pensieri l’avevano tenuta in quella specie di dormiveglia agitato e abitato da sogni: subito li aveva dimenticati ma, comunque inquietanti, non l’avevano lasciata dormire.

Continua a leggere Emma – Il Thriller della zucca

Ok, così… è barare, lo ammetto, ma mica uno può sempre essere prolifico e ispirato.

Annunci

Ragnetto da corsa

ragnonerocamporossoAncora una volta il caldo…

Storia di un ragno da corsa… in fondo le corse automobilistiche sono divertenti per grandi e piccini, anche molto piccini. Un grande grazie a Evaporata.

Ragnetto

Correre sotto la pioggia è sempre pericoloso. Le gocce d’acqua sferzano il parabrezza, le altre vetture alzano scie di nebbia fitta, i tergicristallo faticano a togliere il velo dal vetro. C’è un po’ di riposo solo quando si entra nella serie di chicanes, poi di nuovo nella polvere d’acqua.
La passione è tanta e vivere l’emozione della corsa vale il rischio, soprattutto per chi, piccolo, appena un centimentro, si avvinghia con le otto sampette al bordo di perspex della carenatura del faro sinistro. Sì perché su quella vettura dalla silouette aerodinamica, ci sono due arditi: il pilota, incassato nel sedile, è un ragno, un comune ragno, incastrato tra faro, guarnizione e carena….

[leggi per intero] …che ora il link funziona

Presto che è tardi

Se c’è un periodo dove mi sento in ritardo è questo. Devo consegnare racconti ad amici e non riesco a concretizzare la stesura per mancanza di tempo. Sto scrivendo su carta igienica e tovaglioli .in autobus treno, in bagno, ma non basta.
Scrittoio_901
Chiaramente è un hobbista che lo dice, mica un professionista della penna con scadenze vere, ma sentirmi in ritardo mi pesa un po’, comunque. Come faranno quelli che ci Campano, mah.

Nel frattempo Bob l’orso l’hanno letto oltre cento persone e colorato ben in venticinque. Piccole grandi soddisfazioni.

E ora quasi Buon Natale.

Ricapitolo

torno subitoSettimana finita, riepilogo le cose salienti e non tutte, perché un po’ me ne dimenticherò, come sempre mi accade ultimamente! Che sia l’età?

 

 

  • Mi hanno assegnato il Liebster 2016 [qui domande&risposte] su nomination di Isa
  • Decima e ultima parte di Emma la strega – Orrore a Lago Maggiore [Qui per il Download]
  • Cosa sto leggendo tra le nuove proposte [Qui la lista]
  • Una lettura intrigante [Ovvero imbattersi nell’eros]

    Avrò tralasciato di sicuro qualcosa… Ma voi cercate che ho rimesso la pagina del search nel menu qui di fianco.
    E ora vi lascerò senza post per un po’… Così vi riposerete! 😉


Partecipate al Book Exchange [qui il come]

Post di quasi inverno

 

tagrosso5

Tag

Iniziamo subito con un Tag.

La carissima Marisa Cossu qualche tempo fa mi ha invitato a rispondere ad un quesito più che lecito, tramite il tag Perché ho aperto un blog, ed io ovviamente rispondo!

Come ho spiegato nella info del blog stesso, la vera esigenza non la sapevo nemmeno io. Analizziamo quello che scrivo.:

Questo blog riporta tutte le novità pubblicate in campo editoriale e non, dagli autori che liberamente vorranno venire “citati”: le loro pagine vetrina, dove potere reperire ed eventualmente acquistare libri e racconti e dove rilasciare recensioni e pareri. Ovviamente anche le mie pubblicazioni.

Quindi è un modo per conoscere, per interagire con altri appassionati di lettura – e non solo – in modo attivo, con l’obiettivo di? Ora che è oltre un anno da quando il blog è aperto forse lo so: con l’obiettivo di crescere. No, il medico mi ha detto che sono sempre alto uguale, ho solo più capelli bianchi (o meno capelli in genere?)…

Crescere per me ha significato condividere, leggere, apprezzare e di tanto in tanto essere apprezzato per ciò che ho scritto io. In buona sostanza adesso so che il blog è servito a migliorare ciò che più amo, leggere e scrivere e quindi adesso potrei dire che ho aperto il blog per imparare. Quando invece l’ho aperto probabilmente l’idea era capire e far vedere cosa stavo scrivendo. Ammetto: è un pensiero tortuoso.

Diciamo che in linea di massima il come mai esiste questo blog è rimasto lo stesso, ma il perché l’ho fatto è mutato.

Chi nomino io? Mmmm se avranno voglia di rispondere mi piacerebbe sapere il perché hanno aperto il loro blog i seguenti bloggers

Aida
Blamod
Lächeln
Calmood
Editoriaprecaria
GiorgaPenzo
Ne ho scelti sei e solo sei, quelli che così per primi mi sono venuti in mente, di cui vorrei sapere l’origine e della cui origine so poco. In realtà vorrei saperne di più di tanti altri, ma è meglio evitare lo spam o l’effetto valanga! Di altri, molti, già lo so il perché, o almeno credo. Sono un presuntuosone.


Tra le altre cose, sappiate che il racconto noto a me (e ora anche a voi) come 179 e cioè il seguito di Della carne e delle stelle, o se vogliamo il volumetto 2, è quasi ultimato. Adesso lo passo ai miei lettori tester (schiavi, santi e sfortunati miei lettori tester) e poi lo rendo disponibile. Citando Galadriel …e tutti mi leggeranno, disperandosi.

Ricapitolando – settembre

Questo post doveva chiamarsi “un sacco di palle”, ma sebbene lo pensi, non ne ho avuto il cuore.1saccodipalle

Credendo di fare cosa gradita, ma soprattutto per dare a me un indice nel guazzabuglio di roba che ho scritto, qui sotto riassumo (intanto) tutti gli articoli dove ho cercato di dipingere quadri sulle storie fantastiche. L’intento non è di insegnare a scrivere perché sono l’ultimo a poterlo fare e in giro trovate roba scritta e fatta meglio! Voleva essere lo sbroglio -deficiente- del mio pensiero durante le letture dei libri degli altri, dei film degli altri e, siccome l’Italia è la patria degli allenatori e degli scrittori, di come l’avrei allenata io la Nazionale di calcio!

M’è toccato aggiungere un racconto, vedi qui sotto.

Qui per vedere cosa
 

A seguire i vari links… Per chi li legge tutti, ricchi premi.

Il divino nel racconto    Anche gli dei

E la mimica dove sta ?  Quando la mimica

Mente femminile           Come la vede?

A me non riesce            Punteggiatura

Fantascienza e paperi Fantascienza

Le dimensioni contano Dimensioni

I particolari servono     Il cliché

Epico parte prima          Epico!!!!

Questa non me la ricordo Polline?

Appiattire la storia           Piattume

Lei lui l’altro: stereotipi Stereotipi

Donne realmente  …      Fantastiche

E se ve li siete letti tutti vi offro una birra! Ah, tutto questo ha partorito (alla fine) anche altre cose, perché qui è tutto uno sbattere ti tasti!

E terminiamo col dire che per questa settimana (ed anche per qualche giorno dopo) direi che è tutto…